Recensione: Nightwish – Storytime

Oggi è stata decisamente una giornata lunga. Ho passato tutto il tempo, da quando sono uscito a quando sono rientrato a pensare a come sarebbe stato il momento in cui, tornato a casa, avrei sentito per intero il nuovo singolo dei Nightwish. Si l’ho aspettato da veramente tanto tempo e avevo veramente paura (specialmente dopo l’ultimo CD dei Within Temptation) di essere deluso. E invece a sorpresa no. Stamattina mi ero limitato a sentire lo snippet di 40 secondi con il trailer del video che dovrebbe uscire a breve e già avevo storto il naso perché effettivamente chi, sentendo a freddo la voce di Anette Olzon, non avrebbe uno strano senso familiare di ascoltare Britney Spears cantare su una traccia metal? Ma stavolta, anche se stavo già pensando a una filippica pro-Tarja, mi fermo. Questo singolo è Stupendo. Tuomas Holopainen è riuscito, a mio parere, ad adattare lo stile dei Nightwish alla voce della ormai consolidata nuova cantante. Già in Dark Passion Play aveva cominciato a traslare lo stile, ma l’assenza della voce potente di Tarja Turunen si faceva ancora sentire. Ora si sente che evidentemente c’è più sicurezza, magari un minimo di rassegnazione (non posso non rimpiangere Tarja), ma è una gran bella canzone. Quindi devo dire che se il resto dell’album promette bene quanto il singolo, non vedo l’ora di averlo a portata di mano. Vivissimi c0mplimenti a tutti. Nulla, di questo pezzo mi fa pensare che potessero dare di meglio, non ho critiche da muovere, questi sono i Nightwish nuovi e, sebbene io possa essere più legato ai pezzi di “Opera Metal” firmati dalla linea vocale lirica di Tarja, così vanno benissimo. Mi dispiace per chi non riesce più a godersi questo gruppo per continuare a rimproverare la vecchia cantante, dopotutto se loro sono qui e lei no, un motivo ci sarà. Vi lascio al teaser del video.

Apolide

  

Mauro "Shindeor" Piccillo

About

Nato a Pisa e trasferitosi successivamente in vari luoghi europei, Mauro trova la sua stabilità nei videogiochi e uno spiccato interesse per il Giappone, elementi che lo porteranno a una laurea in Lingua e cultura Giapponese (della quale non si pente affatto), un periodo di soggiorno prolungato su suolo nipponico e successivamente un Master in grafica 3D. Non ama parlare di se in terza persona, ma quando ce ne è bisogno è sempre pronto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

One Response to “Recensione: Nightwish – Storytime”

  1. bloodyladyrinoa BloodyladyRinoa scrive:

    Io adoro questa canzone. La leggera discordanza,secondo me totalmente studiata, tra linea vocale e musica è assolutamente fantastica. Il video invece mi ha deluso un po’….vedere la realizzazione del video negli intermezzi mi ha rovinato un po’ il gusto di vedere la non-storia del PV..insomma,uno vuole vedere un video non i make of,per quello c’è il dvd. Annette ha dovuto raccogliere un’eredità difficile e questo lo sappiamo tutti, però sinceramente nell’ultimo acuto Tarja mi è proprio mancata. Per il resto davvero fantastici.
    Fine momento serietà.

    Annette è proprio una figa su ‘sto video e io una botta a Emppu e Tuomas in ghingheri (e non) gliela darei proprio.

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting