Indiemoniati a raccolta!!!

 Indiemoniati

Con questo articolo diamo il via alla nuova rubrica di EIR che tratterà di pc games e, soprattutto, di giochi indie! Perché gli indie games? In realtà è il tutto molto semplice. Il mercato pc è sostanzialmente fermo, fatta eccezione per pochi titoli. Sono sempre stato un utente pc, fin da quando mio padre si presentò a casa con il C128 della Commodore, il primo personal computer che varcò la soglia di casa mia nel lontano 1987. Da allora, varie macchine si sono passate il testimone, adagiate sulla mia scrivania. Eccezion fatta per qualche dispositivo portable, sono sempre stati tutti personal computer. Ora mi piange il cuore a vedere gli scaffali dei pc games nei negozi sempre relegati in un angoletto, con pochi titoli che valga davvero la pena di giocare. Un po’ perché la grafica dei giochi moderni richiede un’enorme quantitativo di risorse hardware per poter girare decentemente e, dal punto di vista economico, per l’utente non è affatto conveniente comprare schede grafiche sempre nuove per adeguarsi ai requisiti di oggi e, fin troppo spesso, io e gli altri pc-isti siamo costretti a regolare le impostazioni anche su settaggi minimi per assicurare una certa fluidità di gioco. È quindi comprensibile che il mercato si rivolga più alle console, che hanno tot capacità hardware e si può stare sicuri che non si soffrirà mai nel dover giungere a compromessi tra grafica e giocabilità oppure a dover essere costretti a un upgrade di tanto in tanto.

Tuttavia, a portare un po’ di luce in questo periodo di tenebra (wow che poesia!) ci pensano le case indipendenti. Software house con buone idee, ma che non possono però permettersi una distribuzione su larga scala. Ma a questo ci pensa Steam! Superata una certa diffidenza, mi sono trovato costretto ad ammettere che si tratta davvero di una piattaforma valida, che permette la diffusione di un titolo su scala globale, abbattendo i costi di pubblicazione. Ed è grazie alla piattaforma della Valve che sono riuscito a scoprire alcune piccole gemme del panorama Indie.

Giochi realizzati spesso con pochi mezzi, con un comparto grafico ridotto all’osso, ma davvero ricchi di contenuto che, almeno a mio parere, riescono a rivaleggiare senza difficoltà con i prodotti delle maggiori case di produzione. Rileggendo il tutto, mi sono accorto di essere stato un tantino acido nel rivolgermi alle console, quindi permettetemi di confermare tutte le cattiverie che ho detto a proposito di macchine dotate di pad e di guidarvi attraverso un mondo fatto di pixel e click frenetici!

 

WASD

About

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting