Square Enix al lavoro su Flare: un progetto di cloud gaming

project-flare

project-flare

Durante un’intervista a Polygon, Jacob Navok, direttore del buisness development di Square Enix, ha spiegato come la compagnia stia lavorando sulla tecnologia cloud per rivoluzionare non solo i canali di distribuzione dei titoli, ma soprattutto l’esperienza di gioco del futuro.
Ecco le sue dichiarazioni:

«Fino ad ora parlando di cloud gaming si è parlato soprattutto di giochi in streaming. Per noi non sono realmente giochi in cloud. Gaikai, OnLive e altre compagnie hanno solo messo una console nel data centre. Non hanno cambiato realmente granché. C’è stato un cambiamento nel modello di distribuzione, c’è stato un cambiamento nel buisness, ma non c’è stato un cambiamento al livello di game design. Non è stato un cambiamento nella tecnologia.

Quando gli utenti giocano ai video giochi sulle loro console, quei giochi sono processati localmente usando il chipset della macchina. Tale chipset ha dei limiti in quello che può fare, quindi gli sviluppatori di conseguenza sono limitati in che tipo di giochi ed esperienze possono creare. Questi giochi sono limitati dalla tecnologia. Il Project Flare mira a rimuovere queste restrizioni. Invece di far processare i dati localmente da console, computer o qualsiasi altro dispositivo, il rendering è spostato su un supercompiuter virtuale. Questo permette un potenziale di elaborazione senza limiti.
Potendo disporre di un supercomputer, si hanno nuovi modi di interazione e contenuto, si hanno nuovi modi di distribuire tale contenuto e ciò si tradurrà in nuovi tipi di esperienze.»

Per dare un’idea delle possibilità del progetto in questione Navok ha mostra due demo usando titoli già esistenti.
Il primo era ambientato in Deus Ex: Human Revolution, dove il giocatore cammina sopra una pila di scatole e sparandogli ne causa la caduta al suolo. Il demo è riprodotto in tempo reale e senza alcun lag, perché tutte le relazioni fisiche incrementali tra le scatole sono calcolate su un server separato, qualcosa che normalmente sarebbe impossibile su un singolo chipset. Il frame rate calerebbe al punto da rendere il gioco ingiocabile.

  

«Ora non stiamo dicendo che il prossimo Deaus Ex sarà “Deus Ex: Boxes”, ma potete immaginare cosa potremmo fare se quelle non fossero solo scatole ma persone o NPC o nemici o una quantità di robot volanti.
Quello che vorremmo spiegare è che persino utilizzando i nostri titoli già esistenti possiamo ideare nuovi concept. Potremmo ottenere battaglie in tempo reale che sembrino come le battaglie nei film de Il Signore degli Anelli.»

Il secondo demo, ambientato in Final Fantasy XI, mostrava come il gioco potesse gestire in contemporanea al gioco di base anche lo streaming della prospettiva video degli altri giocatori del party.

  

Project Flare ha già un sito ufficiale, ma è ancora nelle primissime fasi di sviluppo e Square Enix attualmente sta cercando partner, sviluppatori, publisher ed esperti di tecnologia. Nel frattempo ha  annunciato una collaborazione con Ubisoft, ma si è detta aperta a dialogare con altri sviluppatori riguardo i modi di usare e distribuire tale tecnologia.
Il Project Flare dovrebbe essere lanciato nei prossimi 2-3 anni, anche se non è chiaro ancora attraverso quali canali sarà reso disponibile. Navok ha comunque affermato che la compagnia mira a renderlo disponibile il più possibile a qualsiasi team di sviluppo, grande o piccolo che sia.

XenoBahamut

Articoli Correlati:

Marco Patrizi

About

Marco Patrizi inizia a videogiocare a circa 6 anni col mitico Commodore 64 e i coin-op delle sale giochi (di cui sente la mancanza). Da allora, di console in console, non ha mai smesso di menar di pollici sui joypad. Ha seguito ogni generazione di console, giocando a quello che poteva e leggendo del resto, sulle riviste specializzate prima e sui siti internet poi. Scrive recensioni e articoli da diversi anni per realtà online piccole e grandi. Potete trovarlo a straparlare di robe random sul suo blog: http://www.oneinchpunch.it/

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting