Ubisoft presenta Valiant Hearts: The Great War

Valiant Hearts

Valiant Hearts

Qualche giorno fa Ubisoft ha rivelato Valiant Hearts: The Great War, un platform 2D in arrivo per PS4, Xbox One, PS3, Xbox 360 e PC nel 2014. Direttamente dalla bocca di Ubisoft scopriamo che Valiant Hearts è “la storia di cinque destini che si incrociano e di un amore distrutto in un mondo straziato. Ognuno cercherà di sopravvivere all’orrore delle trincee seguendo il proprio fedele compagno canino”. Vediamo di capire meglio di cosa si tratta.

Il gioco, ambientato tra il 1914 e il 1918, racconta la storia di cinque personaggi: Emile, contadino francese in cerca del proprio genero, fatto prigioniero dopo la sua prima battaglia; Freddie, soldato americano che combatte in onore della moglie deceduta; Ana, medico di guerra, circondata da sangue e tragedie; George, pilota britannico che ha mentito sulla propria abilità nel volo; e Karl, soldato tedesco innamorato della figlia di Emile. I cinque saranno affiancati da un adorabile cane che avrà a che fare con ognuna delle loro storie e li aiuterà nel loro cammino.

In quanto platform, Valiant Hearts prevede vari puzzle da risolvere, diversi in foggia e difficoltà a seconda del personaggio. Date le scure atmosfere della Prima Guerra Mondiale, il punto forte del gioco risulta essere il contrasto creato dalle simpatiche scenette di interazione con il nostro cagnone, nonché dalla resa fumettistica della grafica, possibile grazie al motore grafico di Rayman Legends, l’UbiArt Framework. L’ispirazione del team di Ubisoft Montpelier pare essere stata tratta da vere lettere di corrispondenza della Grande Guerra (alcune delle quali scritte dal bisnonno di uno dei produttori), tanto toccanti da essere effettivamente inserite nel gioco.

L’altra faccia dei giochi di guerra, dunque.

  

RibesBianco

Articoli Correlati:

Irene "RibesBianco" Caroti

About

Nata a Firenze e trapiantata a Roma, si appassiona ai videogiochi fin da bambina, quando, complice un padre videogiocatore, inizia ad aprire il fuoco sui cattivi di Doom e Quake con grande soddisfazione. Crescendo mette giudizio e si dedica a lunghe sessioni di gioco su RPG e giochi strategici. L'altra grande passione di Ribes sono le lingue: da qui il suo ruolo di traduttrice di EIR, nonché quello di grammar nazi ufficiale all'ennesima potenza.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting