Devil Summoner: Soul Hackers – Anteprima

devil summoner

shin-megami-tensei-devil-summoner-soul-hackers

Oggi vi presentiamo il remake per 3DS di Devil Summoner: Soul Hackers, storico RPG appartenente all’universo Shin Megami Tensei di Atlus e finora mai uscito al di fuori del Giappone. Il gioco uscì originariamente per Sega Saturn nel 1997 e fu poi riproposto per PlayStation nel 1999, versione che Atlus USA considerò di localizzare per il Nord America, salvo poi essere bloccata da Sony Computer Entertainment. Il gioco è quindi rimasto inedito al di fuori del paese del Sol Levante fino al 2012, quando è stato annunciato un nuovo remake per 3DS, localizzato finalmente anche per Nord America ed Europa, dove lo attendiamo per il prossimo 13 settembre.

SoulHackers2

Devil Summoner: Soul Hackers presenta molti dei canoni classici di Shin Megami Tensei, primo tra tutti l’occultismo, mescolato con elementi tecnologici che rendono questo gioco un gioiellino tra il cyberpunk e il gotico. Il gameplay si presenta anch’esso in pieno stile SMT, con combattimenti a turni in cui evocare i demoni reclutati durante le battaglie, dopo aver risposto in maniera per loro soddisfacente alle domande che ci pongono. Attenzione speciale va data, come al solito, all’ottimo lavoro di ricerca svolto sui demoni rappresentati magnificamente nel gioco, in realtà divinità ed eroi tratti da pantheon e mitologie di tutte le culture, con tanto di spiegazioni.

shscreen05-1364584399

La storia si svolge ad Amami City, una piccola cittadina trasformata in città high-tech da un programma di sviluppo del governo, volto a renderla un ambiente ultra tecnologico in cui ogni cittadino viene dotato di computer e connessione internet iperveloce. I fortunati vincitori della lotteria potranno poi, tramite questi strumenti, collegarsi a Paradigm X, una città virtuale 3-D che darà la possibilità di vivere esperienze mai pensate prima. Questo trionfo di tecnologia umana non può che nascondere un oscuro segreto: a scoprire quale sia sarà un gruppo di hacker, gli Spookies, capitanati da Masahiro Sakurai e formati dal Protagonista (il cui nome starà al giocatore assegnare), Spooky, Lunch, Hitomi, Yu-ichi e Six, che entreranno nella città virtuale utilizzando uno speciale computer in grado di lanciare un programma chiamato Demon Summoning Programm, gestito da un’entità chiamata Nemissa, che ci guiderà attraverso il gioco. Sarà tramite questo computer che i protagonisti potranno evocare i demoni che li aiuteranno nelle battaglie. Un elemento interessante di questo titolo è il legame di fedeltà che si sviluppa tra demoni e personaggi: utilizzando un certo demone sarà possibile rafforzarne il legame, in modo da aumentarne i parametri. Viceversa, se il legame di fedeltà sarà troppo debole il demone potrebbe decidere di disobbedire agli ordini o addirittura lasciare il party.

226465-DSSH

Il team di sviluppo di Atlus ha dimostrato di saper sfruttare a pieno l’ambientazione, dandoci la possibilità di utilizzare il nostro computer speciale per fare altre operazioni, come “installarvi” dei programmi o praticare la fusione tra due demoni per ottenerne un terzo più forte (altro divertente elemento standard della serie), artifici che a mio dire aumentano la sensazione di immedesimazione nel gioco.

SMTDSFPSRPG_610

Il porting per 3DS, già uscito in Giappone e Nord America, ha ricevuto critiche positive -così come i suoi predecessori- anche per i vari accorgimenti presi per migliorarne la versione, come l’aggiunta di 30 nuovi demoni, il doppiaggio completo di tutto il gioco, un nuovo video iniziale e l’aggiunta di nuove animazioni nelle battaglie.

 

Personalmente aspetto questo RPG con trepidazione, per diversi motivi: la garanzia di qualità di questa serie in primis, in quanto non mi ha mai delusa; non nascondo poi il fattore curiosità, il fatto che il gioco sia stato portato in Occidente solo adesso nonostante i remake -che ne denotano un particolare successo- mi intriga; devo dire, poi, che ha il suo peso anche l’ambientazione cyberpunk, uno stile che sembra quasi appartenere ad un’altra epoca, ormai.

Voto di attesa: 8.5/10

RibesBianco

Articoli Correlati:

Irene "RibesBianco" Caroti

About

Nata a Firenze e trapiantata a Roma, si appassiona ai videogiochi fin da bambina, quando, complice un padre videogiocatore, inizia ad aprire il fuoco sui cattivi di Doom e Quake con grande soddisfazione. Crescendo mette giudizio e si dedica a lunghe sessioni di gioco su RPG e giochi strategici. L'altra grande passione di Ribes sono le lingue: da qui il suo ruolo di traduttrice di EIR, nonché quello di grammar nazi ufficiale all'ennesima potenza.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting