Darkstalkers Resurrection – B.B. Hood e Anakaris

Darkstalkers

La Capcom ha rivelato oggi che Darkstalkers Resurrection sarà disponibile per il download in Europa dal 13 Marzo al prezzo di €14,99 sul Playstation Network e 1200 punti Microsoft su Xbox LIVE Arcade. Il gioco, per chi se lo fosse dimenticato, includerà Night Warriors: Darkstalkers Revenge e Darkstalkers 3.

Eccoci quindi al sesto appuntamento con le bio dei protagonisti del fighting game in questione. Questa settimana sono con noi in studio (sto scherzando, non sono veramente qui se qualcuno non l’avesse capito) B.B. Hood e Anakaris.

B.B. Hood

Darkstalkers Resurrection - B B Hood

Baby Bonnie Hood era la miglior Darkhunter del mondo. Darkhunting, come implica il termine, è una professione dedicata al cacciare ed eliminare Darkstalkers per profitto. La professione nacque dall’uso a scopo decorativo o di ricerca dei corpi di Darkstalkers. Ad ogni modo non basta possedere una pistola o spirito combattivo dato che anche il più debole dei Darkstalker può vincere contro un plotone intero. Per essere un Darkhunter devi praticamente essere un Darkstalker stesso.

Per questo B.B. Hood era la migliore. Nonostante la sua apparenza innocente, il suo cuore è nero quanto quello quello di un mostro ed è armata fino ai denti con le ultime tecnologie militari. Fanno parte del suo arsenali mitragliatrici, razzi, granate, mine, lanciafiamme e un coltello da caccia. Lei riesce a usarle tutte in modo molto efficace.

Ora, incaricata di andare contro i più forti Darkstalker in esistenza, B.B. Hood sorride alla più grande missione che ha mai ottenuto.

  

Anakaris

Darkstalkers Resurrection - Anakaris

Verso la metà del 27esimo secolo AC, alla giovane età di 12 anni, Anakaris divenne il dodicesimo Faraone dell’impero Egizio. Dotato di un potere che oltrepassava anche quello dei preti più potenti, portò un’era dorata a coloro che lo veneravano e puniva severamente chi si rifiutava. Però, il suo regno non durò molto, lui stesso in un sogno, aveva predetto la sua morte e la sua resurrezione.

Per prepararsi all’inevitabile, costrinse tutti gli abitanti del suo impero a costruirgli una piramide come sua tomba. Di questi, 3000 avrebbero avuto l’onore di diventare le colonne del suo mausoleo per l’eternità. Un anno dopo la costruzione della piramide,  una nazione confinante invase il regno di Anakaris e lo uccise in combattimento. Il suo corpo era preparato ad essere seppellito.

Oltre 4 millenni dopo, con l’arrivo sulla terra di Pyron, Anakaris si risvegliò nella sua tomba, come aveva predetto; cercando di salvare il suo regno, o forgiarne uno nuovo.

  

Articoli Correlati:

Mauro "Shindeor" Piccillo

About

Nato a Pisa e trasferitosi successivamente in vari luoghi europei, Mauro trova la sua stabilità nei videogiochi e uno spiccato interesse per il Giappone, elementi che lo porteranno a una laurea in Lingua e cultura Giapponese (della quale non si pente affatto), un periodo di soggiorno prolungato su suolo nipponico e successivamente un Master in grafica 3D. Non ama parlare di se in terza persona, ma quando ce ne è bisogno è sempre pronto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting