Persona 4 Golden – Intervista di Famitsu al responsabile della localizzazione!

persona-4-the-goldenFamitsu ha pubblicato un’intervista al responsabile della traduzione e localizzazione di Persona 4 Golden riguardo alla versione americana. Ecco a voi l’intervista completa tradotta! Ricordiamo che Persona 4 Golden per PS Vita uscirà anche in Italia (e in Europa) il 22 Febbraio 2013!

Perchè un gioco ambientato nella campagna Giapponese?!

 ”Persona 4 – The Golden” è un RPG che mischia la vita quotidiana di uno studente liceale agli straordinari combattimenti effettuati usando la forza interiore che prende la forma delle “Persona”. Questo gioco, sebbene sia ambientato nella campagna giapponese,  è molto stimato dagli utenti statunitensi.  In questo articolo vedremo quindi l’intervista fatta dal nostro editore Keiji Kawashima (che ha giocato alla versione occidentale) al responsabile della traduzione della Atlus. (La prima parte)

____________________________________________________

Persona 4 Golden Famitsu -  1

Keiji Kawashima è un grande appassionato della serie “Persona”. Gioca anche alle versioni occidentali di giochi giapponesi per un motivo principale. Gli piace riprovare la sensazione di giocare per la prima volta ai suoi giochi preferiti. Ad esempio per gli RPG, con il modo di parlare e le frasi tipiche dei personaggi in inglese, c’è un certo gusto a vedere anche il cambiamento a livello grafico e di produzione che avviene. Oggi, questo divertimento avviene con “Persona 4 – The Golden” in versione americana, curato nella traduzione e nella localizzazione da  Yu Namba della Index Digital Media Inc.

Famitsu - Atlus Yu Namba

── Prima di tutto, come è visto P4G in occidente?
Namba  Sul sito di recensioni “Metacritic” la versione americana di P4G ha un punteggio altissimo, 94 su 100 punti e da 2 mesi dopo l’uscita a oggi (24 Gennaio 2013) è il primo gioco nella classifica nella categoria PS Vita. Anche la versione per PS2 ha un punteggio alto ma gli elementi presenti in P4G sia per come sono inseriti, sia per qualità e varietà di contenuti l’hanno reso quasi un gioco nuovo per cui naturalmente ha un punteggio più alto.

──Anche agli utenti americani quindi è piaciuto il fatto che la storia parli di liceali e si snodi nella campagna giapponese!
Namba Tutte le volte che leggo commenti come “Sebbene sia ambientato in giappone, provo molta affinità con i personaggi e verso la storia” penso che grazie al team di sviluppo e di localizzazione e grazie ai doppiatori che hanno collaborato tutti insieme siamo riusciti a fare una release fantastica. Inoltre grazie alle evocazioni delle Persona, i 1more, gli attacchi speciali e il sistema di combattimento particolare abbiamo ottenuto un punteggio alto,  ma è anche per i cambi di vestiti, inseguimenti in bicicletta e altri elementi simili che vediamo spesso opinioni tipo “Oltre i combattimenti è tutto più divertente”. Inoltre le attività da studente normale e le ricerche nei dungeon hanno avuto molta influenza, agli utenti piace ogni parte del gioco, si possono immedesimare molto nei protagonisti e sugli utenti americani, ai quali piace avere molta libertà nei videogiochi, questa cosa ha inciso molto.

Persona 4 Golden - Famitsu 2

──Riguardo ai testi delle numerose BGM?
Namba  Le BGM hanno ottenuto opinioni molto positive. Nelle versioni originali di P4G e Persona 3 sono usate canzoni con testi inglesi, magari sono uno dei motivi per cui i giochi si diffondono così bene anche in America… ma mi sembra un po’ strano!

──Anche questo genere di elementi ha vinto la popolarità del gioco! A proposito, nella versione occidentale per PS2 il titolo è “Shin Megami Tensei: Persona 4″, ma nella versione giapponese non c’è la parte “Shin Megami Tensei”, come mai?
Namba Mi pare fosse nel 2003-2004 che in America si stabilì il brand di “Shin Megami Tensei”. Il primo titolo lì fu “Shin Megami Tensei III – Nocturne”, dopo quello tutti i titoli della serie non portano la dicitura “Shin Megami Tensei”.

── Il titolo di P4G nella versione americana è  “Persona 4 GOLDEN” giusto?
Namba Avevamo deciso di rilasciare nel corso del 2012 la versione americana di P4G e di “Persona 4 The Ultimate Mayonaka Arena” (P4U), ma dato che entrambi i titoli avrebbero dovuto avere come dicitura anche “Shin Megami Tensei” avevamo paura fosse un titolo finale troppo lungo. Inoltre per ribattere sulla relazione con il gioco originale volevo dare un nome abbastanza vicino a Persona 4. Inoltre c’era la possibilità che P4U venisse chiamato come nella versione giapponese, quindi “Persona 4 The Ultimate”, ma per far capire che si tratta di un gioco di combattimento alla fine l’abbiamo chiamato “Persona 4 Arena”. Per lo stesso motivo P4G  in inglese avrebbe stonato per il “The”, quindi abbiamo deciso di chiamarlo “Persona 4 Golden”.

Persona 4 Golden - Famitsu 3

──Kuma (un compagno dei protagonisti) è stato cambiato in Teddie, questo nome ha un richiamo a Bear giusto? (Kuma in Giapponese vuol dire Orso)
Namba  Avevamo paura che con solo il nome Kuma scritto in alfabeto latino non sarebbe stato capito il significato, quindi abbiamo optato per Teddie da Teddy Bear. Inoltre abbiamo sostituito il “-kuma” alla fine di ogni frase del personaggio con il  termine “bear” utilizzato quanto più si potesse. Bear come nome vuol dire Kuma (Orso), ma come verbo ha molti significati! Inoltre abbiamo cambiato un po’ i termini che ci assomigliavano nella pronuncia, ad esempio “very” diventa “beary”. Riguardo a Kuma, la traduzione del suo nome, della sua parlata e delle sue battute è stata veramente impegnativa per noi! Grazie all’enorme collaborazione di tutto lo staff di traduzione, gli utenti americani hanno ricevuto molto bene il suo personaggio!

Persona 4 Golden Famitsu Kuma

── Anche il soprannome di Kujikawa Rise (una compagna del protagonista) “Risechii” è stato cambiato, in Risette.
Namba ”Risechii” è un soprannome molto probabile in Giappone, ma trascritto semplicemente, per gli utenti americani non avrebbe avuto molto senso, quindi l’abbiamo cambiato in un nome che assomiglia a una cantante/gruppo occidentale. Inoltre essendo una ragazza carina, il nome Risette che ha un che di francese suona bene. Inoltre la sua frase tipica “Rise Cheese!” è diventata “Push Risette”.

Persona 4 Golden Famitsu Risette

── Il sistema caratteristico della “Community” in inglese è diventato “Social Link” giusto?
Namba  In giapponese la parola “community” in katakana da un’idea particolare ma in inglese è una parola molto comune, quindi abbiamo voluto fare qualcosa di più particolare. La frase di Igor rispetto a questo sistema è “Collegati con altre persone, accresci dei legami…” quindi “Collegati con altre persone” è diventato “Social” e “Legami” è diventato “Link”, “Social Link”!

──L’oggetto per uscire dai dungeon “Kaereeru” e lo status che affligge i personaggi “Okankyuu”, essendo termini anche umoristici, come sono stati tradotti?
Namba La traduzione è stata fatta in modo abbastanza letterale senza cambiare troppo il significato e la sfumatura. “Kaereeru” che vuol dire “Go home (Tornare a casa)” è diventato “Goho-M”. Gli status dei personaggi “Okan-kyuu” e il seguente “Bosatsu-kyuu”(dal bodhisattva buddhista) sono stati tradotti in vista del cristianesimo che è più diffuso in occidente, sono quindi diventati “Motherly” e “Saintly”.

── Quindi per mantenere le sfumature dei termini della versione giapponese, c’è stato un grande lavoro!
Namba Si. Anche se per esempio per il modello “Ryousangata Brahman” la traduzione di “Ryousangata” (Modello di produzione di massa) avrebbe reso il nome troppo lungo… quindi trattandosi comunque di un robot verdeprodotto industrialmente, l’abbiamo chiamato “MF-06S Brahman” per inserire un doppio senso. Anche se ci sono persone che non l’hanno capito, anche in America i fan di Gundam sono molti! (Ride)

──In P4G i motti e le scene evento sono parecchi e profondi. Nanako ad esempio canta sempre “Everyday Younglife, Junes”, come è cambiato nella versione americana?
Namba  La canzone del Junes non ha un testo in inglese con un senso compiuto, quindi l’abbiamo cambiata in qualcosa che potrebbe essere il testo di un jingle di un supermercato o centro commerciale americano. Però dato lo sfondo grafico e il fatto che non si poteva più giocare su “Junes” e “jeunesse” (giovinezza), senza cambiare il nome del centro commerciale, “Young life” è diventato “Ogni giorno è fantastico al tuo Junes!”e quindi il risultato finale è “Everyday’s great at your Junes”. Quando la doppiatrice di Nanako la cantava con la voce da bambina eravamo tutti contenti!

P4G Famitsu Junes

Namba Inoltre anche la frase di Chieda “Eh? Figo, è proprio come il detective Kindaichi!”  è stata problematica perchè abbiamo pensato che gli americani non conoscano questo detective giapponese, quindi abbiamo pensato di cambiarlo con Holmes, Poirot, Marlowe o Miss Marple, ma non sono personaggi da Chieda. Essendo personaggi di film e romanzi che non c’entrano nulla con Chieda, è stato cambiato con Kuzuha sempre dalla serie di Persona. Anche così però può essere capito solo dai fan dell Atlus che hanno giocato a “Persona 2 Eternal Punishment” e “Shin Megami Tensei: Devil Summoner: Raidou Kuzunoha vs. The Soulless Army”.  Inoltre è rimasta la sfumatura del “Daidai” all’inizio della frase. “In nome di Jicchan” non sarebbe stato capito dagli americani! (Ride)

──Sono stato contento di vedere che sono state adattate anche le scritte e la grafica dei “programmi televisivi” in cui compaiono Yukiko-hime, Tatsumi Kanji e Rise Kuji! (Ride)

Namba Tutto lo staff si è divertito molto traducendo quella parte! Nel cambiare quella parte di “programma” non è stato solo necessario tradurre, ma anche far entrare la traduzione nello spazio dato dai caratteri giapponesi. A dire la verità quando abbiamo visto il risultato finale, dato che siamo scoppiati tutti a ridere devo dire che l’effetto è quello desiderato! Dopo è stato il momento del combattimento con il boss del dungeon “Void Quest” che ricordava molto un gioco per Famicom. Lo staff ha usato come referenza titoli RPG del NES ed i testi sono stati fatti apposta.

P4G Famitsu 4

── A vedere i commenti degli utenti su internet, in America c’è stato un gran chiaccherare riguardo all’ombra di Kanji giusto?

Namba L’ombra è un metodo per illustrare il dilemma di Kanji, l’aspetto e la parlata sono peggiorati apposta (ride) ma essendo il tema pesante è creato apposta per essere realistico. Non riesce ad accettare quello che lo circonda. Gli utenti americani sono riusciti a capirlo e ad empatizzare, accettandoil tutto. E’ facile ridere di quel dilemma ma questo discorso e questa opera sono riusciti nella società moderna a toccare almeno una persona tramite “Persona 4″. Penso che sia una cosa meravigliosa. E’ anche grazie all’entusiasmo del team di sviluppo ed all’enfasi data dal doppiatore di Kanji. Anche tu sei stato influenzato dalla passione dell’ombra di Kanji? (Ride)

── In quanto responsabile della traduzione, quale scena pensi che sia la più importante?
Namba  Poiché non vorrei fare spoiler non posso parlarne bene, ma personalmente penso che sia la scena dell’ospedale. Persona 4 parla di vita liceale quotidiana ed omicidi assurdi, il titolo dipinge molto bene l’ombra della morte e la luce della vita ma nella scena che si snoda nell’ospedale, i personaggi dopo tutto quello che hanno passato ricordano agli utenti che genere di pericolo esiste, è una scena molto importante secondo me. Sono stato molto entusiasta di poter mettere mano alla sceneggiatura e alle voci. Anche i doppiatori hanno fatto un lavoro superbo, sono stato particolarmente colpito dalla performance del doppiatore di Dojima e di Yosuke che hanno fatto venire la pelle d’oca. Lavoro per la Atlus USA dal 1999 e ho curato la traduzione di molti titoli, ma quella scena è quella che fino ad ora mi ha colpito di più e che vorrei superare nel futuro.

  

Articoli Correlati:

Mauro "Shindeor" Piccillo

About

Nato a Pisa e trasferitosi successivamente in vari luoghi europei, Mauro trova la sua stabilità nei videogiochi e uno spiccato interesse per il Giappone, elementi che lo porteranno a una laurea in Lingua e cultura Giapponese (della quale non si pente affatto), un periodo di soggiorno prolungato su suolo nipponico e successivamente un Master in grafica 3D. Non ama parlare di se in terza persona, ma quando ce ne è bisogno è sempre pronto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting