“Project A16″ sarà Atelier Shari: Alchemists of the Dusk Sea

l_532d82dc26199

a16_heroine

Qualche giorno fa vi avevamo annunciato un nuovo capitolo della serie Atelier, temporaneamente chiamato Project A16. La rivista giapponese Dengeki ha rivelato che, a quanto pare, il nome ufficiale del gioco sarà Atelier Shari: Alchemists of the Dusk Sea, e come Atelier Escha & Logy avrà due protagoniste.

9d9d9d18_thumb

Yoshito Okamura, direttore della Gust, che aveva precedentemente lavorato ai capitoli Atelier Rorona: The Alchemist of Arland e Atelier Totori: The Adventurer of Arland, si occuperà dello sviluppo di questo nuovo titolo.

Non è chiaro quanto tempo sia passato tra le vicende di Atelier Escha & Logy e questo nuovo Atelier Shari, l’unica sicurezza è che anche questo Atelier avrà due protagoniste, ognuna con la propria story-line.

Atelier Shari: Alchemists of the Dusk Sea introduce un nuovo sistema, chiamato “Life Task”, che sarà quello che ci permetterà di avanzare nel gioco. Una volta individuato un obiettivo “Life Task” ci saranno tre obiettivi da completare: esplorare, raccogliere gli oggetti richiesti dalle formule alchemiche e, naturalmente, combattere. Una volta completati questi obiettivi sarà possibile continuare la storia.

l_532d82dbddb27_thumb

Sharisoprannome di Sharistella, è un’alchimista di sedici anni, proveniente da una famiglia il cui dovere è la protezione di un’antica reliquia alchemica. Poiché l’attuale capofamglia è malato, Shari dovrà farne le veci e partire per un viaggio, con lo scopo salvare il suo villaggio. La storia di Shari girerà attorno ai misteri del mondo in cui si trova, all’interno del quale il crepuscolo (Dusk) ricoprirà il tema centrale. Questo capitolo pare essere più maturo rispetto ai precedenti: guarderemo Shari tirare fuori il suo coraggio e trasformarsi da ragazzina a persona matura.

L’altra protagonista (della quale non si hanno ancora immagini) si chiamerà Charlotte Eluminus, una povera alchimista subalterna di diciotto anni. Vive a Stellad, una città-oasi nella quale Shari si ritroverà a passare, e lavora nell’Atelier che apparteneva al padre morto. In realtà non ha alcuna vera esperienza nell’alchimia.
Nonostante questa presentazione la faccia sembrare un personaggio poco serio, è in realtà una ragazza ambiziosa: sogna di fare qualcosa di veramente grandioso dopo essere diventata famosa, un giorno. Pare che la sua storia sia più in linea con l’atmosfera classica degli Atelier, dove generalmente si sperimenta la crescita di una ragazza avventata e sbadata.

l_532d82db3bd97

Uno degli obiettivi della Gust in questo capitolo sarà quello di semplificare e rendere più interessante la sintesi alchemica.
Sul campo si avrà il controllo della telecamera a 360°, mentre il sistema di combattimento presenterà una “Cost Turn bar” simile a quella di Atelier Meruru: The Apprentice of Arlande un’altra barra sulla destra per indicare l’ordine dei turni, come in Atelier Ayesha: The Alchemist of Dusk.

Al momento il gioco è previsto in Giappone per il 26 giugno 2014 per Playstation 3, e sarà prevista anche un’edizione speciale, al costo di 9800 yen, che includerà quattro dischi della colonna sonora e uno speciale drama CD.

l_532d82dc26199

Cosa ne pensate, appassionati di Atelier e non?

Fatevi un’idea più accurata con questo trailer!

Si ringrazia Famitsu.com per le immagini.

RibesBianco

Articoli Correlati:

Irene "RibesBianco" Caroti

About

Nata a Firenze e trapiantata a Roma, si appassiona ai videogiochi fin da bambina, quando, complice un padre videogiocatore, inizia ad aprire il fuoco sui cattivi di Doom e Quake con grande soddisfazione. Crescendo mette giudizio e si dedica a lunghe sessioni di gioco su RPG e giochi strategici. L'altra grande passione di Ribes sono le lingue: da qui il suo ruolo di traduttrice di EIR, nonché quello di grammar nazi ufficiale all'ennesima potenza.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting