Play4Health #2 – The Forest Project

Natura virtuale per allietare la vita ai malati di demenza

The Forest Project

The Forest Project

Salve lettori, eccoci al secondo appuntamento della rubrica Play4Health, che si pone come obiettivo la condivisione e sensibilizzazione di nuovi metodi terapeutici legati al videogioco, oltre a campagne ed iniziative mediche in qualche modo correlate al nostro campo di interesse. Dopo aver parlato di Genes in Space, gioco per smartphone che aiuta la ricerca per combattere il cancro, questa volta ci focalizziamo su The Forest Project, titolo in possibile sviluppo presso Opaque Multimedia, in collaborazione con Alzheimer’s Australia Vic; possibile perché il titolo procederà con lo sviluppo effettivo una volta raggiunto il target della campagna di raccolta fondi, che prevede un minimo di 90.000AU$ (80.000$) da raggiungere in sessanta giorni, precisamente entro il 17 maggio.

Se la campagna avrà successo, le parti si impegneranno a realizzare il progetto con l’aiuto dell’Unreal Engine 4; il direttore di Opaque Multimedia, Norman Wang, si è espresso sul motore grafico e sullo scopo del progetto, vediamo le sue parole:

“L’Unreal Engine 4 è una tecnologia videoludica next-gen. Questa è la stessa tecnologia utilizzata per alcuni dei giochi più impressionanti a livello visivo degli ultimi anni. Supportando questa iniziativa, i contribuenti ci aiuteranno ad esplorare nuove possibilità nell’utilizzo della terapia virtuale e sensoriale per i pazienti affetti da demenza. Lanciamo un appello alla comunità di videogiocatori, per aiutarci a dimostrare con The Forest Project che i videogiochi possono essere di grande valore per la sanità. Con il supporto della comunità possiamo incrementare ampiamente la fedeltà, i tipi di paesaggio e l’esperienza relativa al gioco, potenziando la connessione emozionale e riuscendo a fare la differenza nelle vite delle persone affette da demenza. The Forest Project utilizza anche il Kinect 2, per trasformare il salotto dell’utenza in un ambiente incantato che stimola i sensi ed intrattiene.”

Anche Maree McCabe, CEO di Alzheimer’s Australia Vic, ha parlato degli elementi cardini del progetto:

“Immaginate di poter trasportare una persona affetta da demenza dalla vita di tutti i giorni ad un ambiente virtuale, tramite il quale sperimenterà stupore, gioia e divertimento. Usando la tecnologia videoludica possiamo. La prima esperienza virtuale ed interattiva che stiamo creando è una foresta. Le possibilità di creare sono comunque infinite, possiamo fare una spiaggia o uno scenario tematico sul Natale, ad esempio. Immaginate di poter portare questa tecnologia nelle TV delle case di cura di tutto il mondo, così che tutti ne possano giovare. Insieme possiamo fare la differenza , portando il divertimento perduto dalle persone affette da demenza. La demenza è la terza causa principale di morte in Australia, e non c’è cura. Nella sola Australia ci sono più di 330.000 persone affette, e questo numero arriverà a 900.000 entro il 2050.”

Un progetto veramente interessante, che utilizza la natura come perno per tranquillizzare ed alleviare la sofferenza di tutte queste persone; se volete contribuire, visitate la pagina ufficiale di The Forest Project su Pozible, che include un video di presentazione. Se la campagna avrà successo, il titolo verrà rilasciato nei primi mesi del 2015 per diverse piattaforme.

Ci vediamo al prossimo appuntamento di Play4Health!

Rain

 

 

About

Amante dei videogiochi di nicchia e della natura, il mio scopo è trovare la vera essenza dei titoli che gioco attraverso analisi filosofica, musica ed emozioni.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting