Castlevania: Lords of Shadow 2 sviluppo problematico

Direttore accusato di un gioco "mediocre"

castlevania_lords_of_shadow_2_2

castlevania_lords_of_shadow_2_2

Castlevania: Lords of Shadow 2 non ha ricevuto reazioni positive, spingendo così il developer della Mercury Steam a discutere lo sviluppo del sequel e ad incolpare lo studio director, Enric Alvarez, di essere non solo “crudele” ma anche una persona con “seri problemi”.

Un utente del Meristation forum che ha un contatto diretto con un developer della Mercury Steam dichiara che un impiegato, rimasto anonimo, ha espresso la sua avversione verso il modo in cui il gioco è stato sviluppato e verso Álvarez stesso.
Quello che segue è un riassunto di alcuni dei problemi portati alla luce dal dipendente.
Durante lo sviluppo di Castlevania: Lords of Shadow 2 gli impiegati hanno vissuto un’esperienza a suo parere paragonabile all’inferno stesso; la partecipazione di Hideo Kojima è inoltre stata minima “E’ venuto, ha visitato lo studio, dato la sua approvazione, firmato alcune cose e basta”.
Mette subito in chiaro che i componenti del team sono consapevoli della bruttezza del gioco, il cui livello non è minimamente paragonabile con la qualità ed i valori di produzione del primo gioco, motivo per il quale nessuno è rimasto stupito dalla qualità delle reviews ricevute.
La colpa, sempre secondo l’impiegato anonimo, è di Enric Álvarez, un uomo che ha corrotto lo sviluppo del gioco basandosi solo sui suoi criteri personali, sottovalutando i programmatori, i designers e gli artisti. L’utente continua sottolineando i vari difetti di Alvarez, uomo in precedenza elogiato dalla stampa dopo il successo di Lords of Shadows 1.
La struttura interna della Mercury Steam è arcaica ed i suoi fondatori non hanno infatti nessun tipo di abilità per mandare avanti l’azienda: come è possibile che molti dei lavoratori venissero a conoscenza di alcuni degli elementi del gioco dalla stampa piuttosto che dal capo dello studio?
Al nuovo motore grafico (che presenta numerosi problemi) hanno inoltre collaborato solamente due persone, una delle quali un fondatore dell’azienda e confidente di Álvarez; la causa dell’arretratezza del sistema sta nel fatto che l’accesso a queste informazioni era negato al resto degli impiegati. Molto spesso, sottolinea, per spiegare la sua precedente affermazione, i nuovi arrivati sanno di più dei propri capi, e questa mancanza di interesse verso le opinioni dei propri lavoratori ha reso Castlevania: Lords of Shadow 2 il gioco mediocre che è.

La pressione alla quale i dipendenti erano sottoposti ha spinto molti designers ad abbandonare lo studio, ma questa non è stata l’unica diminuzione dello staff: durante lo sviluppo del gioco la Mercury Steam ha licenziato 35 impiegati.

Il futuro della casa è in bilico, la Konami stessa è rimasta perplessa dalla mediocrità del gioco.
Il dipendente ha infine concluso sottolineando che, nonostante il risultato finale del gioco, il livello del team che vi ha lavorato è invece altissimo e che se solo le loro idee non venissero bloccate dalle idee giurassiche dell’azienda probabilmente il loro futuro sarebbe diverso.

E’ stato chiesto alla Konami e al produttore Dave Cox di commentare l’accaduto, ma non sono ancora arrivate nè spiegazioni nè smentite.

Himejelly

Articoli Correlati:

himejelly

About

Jasmine aka Himejelly è una ragazza di Roma, appassionata di videogames ma restia a definirsi una gamer. Ama gli RPG, JRPG, picchiaduro, visual novel, dating sim... E se ci sono ragazze carine come pg potete essere sicuri di renderla una persona felice! Studia lingue e letterature e spera che la sua laurea le permetta di entrare come traduttrice nel mondo dei videogiochi.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting