Demons’ Score – Un nuovo rhythm game per smartphone dalla Square Enix

demons score 300x262 Demons Score   Un nuovo rhythm game per smartphone dalla Square EnixLa Square Enix non ci lascia mai troppo tempo a bocca asciutta, ed ecco infatti che oggi, oltre all’uscita dell’ultima demo di Bravely Default, presenta anche il sito ufficiale di Demons’ Score, un gioco per iOs e Android che già era stato inserito nella Line-up per il TGS 2012 della software house.

Il sito, sia in giapponese che in inglese presenta la storia del gioco, qui sotto riassunta brevemente:

Una studentessa del college, Serenity, perse le tracce del padre, il Dr. Aleister, lo va a cercare nel suo luogo di lavoro, l’ospedale e manicomio (ovviamente, c’era un manicomio) statale di Salem. Arrivata sul posto, trova la struttura irriconoscibilmente distrutta e, poco dopo, le si presenta un orsacchiotto di nome David, che sostiene di essere stato umano fino a poco prima. Poco prima della sua scomparsa, il padre le aveva mandato una misteriosa App per il suo smartphone chiamata “Demon’s Score”, che servirebbe a controllare i demoni che posseggono il proprio corpo.

Oltre alla trama, il sito presenta l’introduzione dei personaggi e del sistema di combattimento, il trailer contente opening, tutorial e gameplay, e infine una pagina informazioni.

Il sistema di combattimento di questo rythm game sembra essere interessante, un po’ un miscuglio di quanto visto in altri giochi del genere, nonchè elementi presi da Theatrhytm, tutto sulla base di musica Metal (per lo meno da quanto si evince dal Trailer). Che la Square Enix stia provando a mettere a punto il proprio sviluppo di giochi musicali per proprinarne qualcun’altro sul 3DS?

Per ora non ci resta che attendere, poco tra l’altro, visto che il gioco dovrebbe uscire per Android già questo autunno.

Apolide

Articoli Correlati:

Mauro "Shindeor" Piccillo

About

Nato a Pisa e trasferitosi successivamente in vari luoghi europei, Mauro trova la sua stabilità nei videogiochi e uno spiccato interesse per il Giappone, elementi che lo porteranno a una laurea in Lingua e cultura Giapponese (della quale non si pente affatto), un periodo di soggiorno prolungato su suolo nipponico e successivamente un Master in grafica 3D. Non ama parlare di se in terza persona, ma quando ce ne è bisogno è sempre pronto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

Current day month ye@r *

Designed by Oyun - For Green Hosting