Microsoft paga youtuber per parlare bene di Xbox One

La MS si affida agli Influencer di Machinima per avere buona pubblicità su Youtube

xbox one banner

xbox-one

È un po’ la chiacchiera dell’ultimo minuto quella che vede la Microsoft coinvolta in una campagna pubblicitaria poco trasparente su Youtube, tramite accordi con il titano Machinima. È arrivata infatti a molti Influencer del canale una mail che li informava della possibilità di un guadagno pari a $3 ogni 1000 visite se nei loro video avessero mostrato almeno 30 secondi di gameplay sulla console americana, una menzione al titolo giocato, la tag XB1M13 e altri accorgimenti qua e là, come ad esempio non parlare male della console (mi sembra scontato) e di Machinima stesso (altrettanto).

Mentre chi ne parla ne vuole fare uno scandalo, personalmente non capisco il problema. In fin dei conti si tratta fondamentalmente di Product Placement, nulla di nuovo, e che la Xbox One possa favorire da un po’ di pubblicità positiva non è un mistero. Personalmente, se dovessi trovare qualcosa di scandaloso in tutta questa faccenda direi: “SOLO TRE DOLLARI?”. La Microsoft sta facendo una campagna pubblicitaria che, se dovesse raggiungere 5 milioni di persone, sarà costata in totale 11000 euro (al cambio attuale). Non so neanche se definirli geni o tirchi come pochi altri.

Tutto qui, solo un’ultima cosa: se qualcuno della Microsoft sta leggendo questo articolo, vorrei far notare che non sto parlando male né della Xbox One (compratela) né di Machinima (che tanto ci fa divertire). Ci possiamo mettere d’accordo per il pagamento tramite mail, grazie.

A presto.

Articoli Correlati:

Mauro "Shindeor" Piccillo

About

Nato a Pisa e trasferitosi successivamente in vari luoghi europei, Mauro trova la sua stabilità nei videogiochi e uno spiccato interesse per il Giappone, elementi che lo porteranno a una laurea in Lingua e cultura Giapponese (della quale non si pente affatto), un periodo di soggiorno prolungato su suolo nipponico e successivamente un Master in grafica 3D. Non ama parlare di se in terza persona, ma quando ce ne è bisogno è sempre pronto.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Commenta con Facebook

Leave a Reply

 

Designed by Oyun - For Green Hosting